L’XI Zona partigiana: storia dei patrioti di Manrico Ducceschi (Tralerighe)

monti-pippo-cover-tralerighe-XIzona-5

 

Nel dicembre del 1943 Manrico Ducceschi ha con sé solo un piccolo nucleo di patrioti, ai quali si uniscono definitivamente gli ufficiali Sud-Africani John Jacopus Wahl, William Whittaker e l’ufficiale inglese Gasson Lilie. Con lui poi Italo Bocci, Raffaello Manfredini, Franco Sisi, Giuseppe Mulas, Giovanni La Loggia, Millo Pocceschi, Ugo De Poletti. La prima base dei partigiani è una tenda a Lucchio poi viene scelto come rifugio ritenuto più sicuro e base del gruppo un metato nei pressi della località monte Foggetta 1124 m. (Bagni di Lucca), non molto distante dalle Pracchie o Prate di Pontito o Burchia.

Nasce così la formazione autonoma partigiana XI Zona Patrioti Pippo dell’Esercito di Liberazione Nazionale che ebbe tra le sue fila 882 combattenti perdendone 129 in combattimento o per rappresaglia nazifascista.

Questo saggio ricostruisce la prima fase della storia della formazione, che va dall’8 settembre 1943 alla liberazione di Bagni di Lucca avvenuta il 28 settembre del 1944. Durante questo periodo Ducceschi guidò i suoi uomini in azioni temerarie e nella terribile battaglia delle Fabbriche di Casabasciana, durata tre giorni durante la quale morirono almeno 45 tedeschi.

 

L’XI Zona Partigiana. Storia dei patrioti di Manrico Ducceschi

Settembre 1943 – ottobre 1944

di Virginio Monti

Tralerighe libri editore

Pagine 220 – Euro 15,00

ISBN 978883287985

 

Virginio Monti è nato a Lucca il 3 dicembre 1947 e ha sempre abitato a Bagni di Lucca. Tra i principali animatori del movimento studentesco lucchese si è diplomato all’ITIS E. Fermi di Lucca per poi iscriversi all’università di Pisa alla facoltà di lettere e filosofia. L’avventura universitaria è di breve durata, interrotto il corso di studi inizia a lavorare. Partecipa attivamente, senza interruzioni, alle lotte politiche e sindacali fin dalla metà degli anni 60. Proseguirà nelle file di una formazione extraparlamentare “Il Proletario” negli anni 70 e dopo un breve periodo nel Movimento Lavoratori per il socialismo (MLS) si iscrive a Democrazia Proletaria che aveva inizialmente a Lucca la sede in Pelleria, poi trasferitasi al “Circolo Utopia” nel Fillungo. La passione politica e quella per il gioco degli scacchi non l’hanno mai abbandonato. Con Tralerighe ha pubblicato: “La francese. La lunga vita di Giovanna Mayne” (2016) la storia della partigiana che collaborò con i patrioti dell’XI Zona; “Il futuro passato. Gli anni Sessanta e l’imperdibile ‘68” (2018).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...